Close

Trekking alle Seychelles

Seychelles

Sabbia bianchissima e acqua talmente trasparente da far sembrare le barche sospese nell’aria, una vegetazione rigogliosissima di piante tropicali tra cui spicca, tesa tra le palme, qualche amaca colorata: è questo che immaginiamo quando sentiamo nominare le Seychelles, il famosissimo arcipelago di 115 isole, alcune granitiche, altre coralline, situate nell’Oceano Indiano a nord-ovest del Madagascar. LifeGate Experience, in collaborazione con Four seasons natura e cultura, ci porta a scoprirne un aspetto insolito col primo e unico viaggio di turismo naturalistico itinerante delle Seychelles, promosso, tra l’altro, dall’Ente del turismo locale.

Grazie a brevi trekking su quattro delle principali isole, nei 12 giorni di viaggio (14 nel periodo estivo) sarà infatti possibile percorrere strade poco battute, situate fuori dai soliti circuiti del turismo di massa, per avventurarsi in riserve deserte e incontaminate, tra i caratteristici alberi del Coco de Mer e le tartarughe giganti, circondati solo dalla giungla, dal mare e dalla barriera corallina.

Seychelles: un viaggio, quattro isole

Mahè e la capitale più piccola del mondo

Il nostro viaggio alle Seychelles prevede quattro grandi tappe, quattro isole granitiche tra le più belle e interessanti dell’arcipelago: Mahè, Praslin, La Digue e Curieuse. Punto di partenza obbligato del tour è proprio Mahè, l’isola più grande e popolata delle Seychelles, dove arrivano e da dove partono tutti i voli internazionali e a cui sono dedicati i primi quattro giorni del viaggio. Qui, dove abita oltre il 90 per cento della popolazione dell’arcipelago in un miscuglio di lingue, etnie e religioni perfettamente in armonia le une con le altre, sorge anche Victoria, la capitale più piccola del mondo, coi suoi 30.000 abitanti.

Su Mahè visiteremo alcune delle spiagge più belle dell’isola, come Beau Vallon, Anse Louis, Anse Intendance e Anse Major, e ci dedicheremo al trekking del Copolia Trail, nel Morne Seychelles National Park, il parco nazionale che ospita il Morne Sychellois, il rilievo più alto dell’intero arcipelago, con i suoi quasi 1000 metri di altezza. Immerso tra le palme e la foresta tropicale.

Praslin e il Coco de Mer

A Praslin, che per grandezza è la seconda isola dell’arcipelago, si arriverà dopo un viaggio in aliscafo. L’isola è considerata fra i luoghi più belli di tutto l’Oceano Indiano sia per le sue spiagge, come Anse Volbert, sia per la Vallée de Mai, la foresta tropicale iscritta nella lista Unesco dei Patrimoni dell’umanità dal 1983 per la ricchezza della sua biodiversità, rappresentata dalla palma del Coco de Mer, che qui cresce spontanea.

Alle spiagge di Praslin è dedicato anche il trekking che parte dalla spiaggia di sabbia bianca di Anse Lazio: attraverso una giungla praticamente inesplorata e quasi mai battuta da turisti, si può giungere alla spettacolare spiaggia di Anse Georgette, dove rilassarsi e praticare snorkeling!

Curieuse e le tartarughe giganti

Tartarughe giganti e Coco de Mer: sono queste le principali attrazioni di Curieuse, un piccolo isolotto, grande nemmeno 3 km quadrati, che si para proprio davanti a Praslin ed è raggiungibile con un semplice trasferimento in barca. L’isola, che una volta era una colonia di lebbrosi, è oggi completamente disabitata e adibita a riserva naturalistica. Viene chiamata Ile Rouge, per via della sua bella terra rossa: una volta sbarcati qui, ci capiterà di incontrare le tartarughe giganti di Aldabra, pigre e docili, e di avvistare diverse varietà autoctone di uccelli, addentrandoci tra i Coco de Mer e la vasta foresta di mangrovie.

La Digue, l’isola delle bici e delle spiagge mozzafiato

Le spiagge più belle delle Seychelles, dicono, sono a La Digue: qui visiteremo per esempio Anse Source d’Argent, nota come una delle più belle spiagge dell’Oceano Indiano, o ancora Grand Anse, Petit Anse e l’incontaminata Anse de Cocos. L’isola, che ospita anche la Veuve Reserve, dove si possono ammirare ancora le tartarughe giganti e i Black Paradise Flycatcher, che sono uccelli autoctoni, è anche la più green di tutto l’arcipelago visto che qui, quasi, non esistono automobili (ve ne sono appena 50). La bella vegetazione di La Digue, fatta di banani, vaniglia, orchidee, alberi di takamaka, si apprezza infatti in bicicletta o a piedi.

A chi consigliamo il viaggio

Questo viaggio è consigliato a tutti gli amanti del trekking e delle escursioni in natura, ma soprattutto a chi subisce il fascino delle spiagge tropicali e della flora e della fauna di queste isole, luoghi a metà tra il sogno e la realtà, da scoprire, conoscere e tutelare, affinché non vadano persi.

A seconda dei periodi dell’anno, il programma di viaggio potrebbe subire lievi modifiche: chi visiterà le Seychelles dal 23 al 29 ottobre 2018, per esempio, si troverà immerso nel Festival Creolo, l’evento più importante evento nel calendario culturale dell’arcipelago. Per una settimana intera, sapori, suoni, profumi, danze e artigianato della tradizione Creola avvolgeranno i visitatori, che potranno così apprezzare al meglio questo piccolo paradiso terrestre.

Il gruppo (da 4 a 18 partecipanti) sarà sempre accompagnato da una guida qualificata. I trekking sono tutti mediamente facil.

Partenze

Dal 28 dicembre 2018 al 9 gennaio 2019 – Ultimo posto da Milano e ultimi 3 posti da Roma. Solo sistemazione in camera doppia. No camere singole

Dal 30 dicembre 2018 al 10 gennaio 2019 – Disponibilità da Milano: 4 posti / da Roma 4 posti

Puoi richiedere info, prezzi e dettagli sul viaggio LifeGate experience alle Seychelles compilando questo form.

  •