Close

Capodanno in bicicletta a Maiorca

Maiorca LifeGate Experience

Un modo insolito e avventuroso per trascorrere la fine del 2018 e l’inizio del nuovo anno: otto giorni in bicicletta alla scoperta dell’isola di Maiorca in Spagna, una perla del Mediterraneo dove la natura è ancora selvaggia e le spiagge, deserte in questa stagione, ancora più incredibili. LifeGate Experience in collaborazione con Girolibero vi porta a spasso per l’isola più vasta delle Baleari su due ruote, perché a passo lento, tutto è più bello!

Maiorca LifeGate Experience

La cattedrale di Maiorca illuminata di notte, una delle nostre tappe sull’isola. ©Girolibero

Natura e cultura nella perla del Mediterraneo, Maiorca

Isola incredibilmente bella dal punto di vista naturalistico, Maiorca vanta circa il 40 per cento del territorio protetto e racchiude in sé molti paesaggi contrastanti, tutti davvero suggestivi: 550 chilometri di costa ospitano alcune tra le cale e gli arenili più affascinanti del Mar Mediterraneo e un mix armonioso di spiagge bianche si alterna a minuscole insenature tra pinete e scogliere a picco nella zona settentrionale; a nord a stupire è invece la Sierra di Tramuntana con vette superiori ai 1400 metri, mentre il Parco nazionale marino e terrestre di Cabrera, comprende un insieme di isole e isolotti situato a poco più di un’ora di navigazione. Una vacanza a Maiorca quindi non significa solo mare, ma la possibilità di esplorare l’entroterra di quest’isola, in bicicletta, il mezzo di trasporto perfetto per godere a pieno dei diversi scenari e paesaggi, tutto a passo lento, guidati da un accompagnatore di Girolibero che con LifeGate Experience ha organizzato questo tour di 8 giorni e 7 notti  per scoprire insieme un inedito volto della nota meta delle Baleari.

L’isola offre anche inaspettate e forse poco note testimonianze storico artistiche che fanno di questo viaggio la scelta perfetta per chi durante una vacanza non vuole solo divertirsi e ammirare panorami suggestivi, ma cerca anche tracce della cultura e delle tradizioni di un popolo. Le tappe del nostro giro in bicicletta prevedono un equilibrato mix tra natura, arte e buona cucina perché la Spagna e le sue isole sono famose anche per la prelibata tradizione culinaria. Inforchiamo la bici quindi per attraversare la perla del Mediterraneo!

Maiorca capodanno in bicicletta

Una delle spiagge da costeggiare in bicicletta con LifeGate Experience ©Girolibero

Non solo Palma di Maiorca nel tour in bicicletta dell’isola

Il luogo più noto dell’isola è certamente il suo centro principale, Palma di Maiorca, ma non è il solo ricco di fascino, arte e storia. Qui visiteremo la meravigliosa cattedrale gotica, il centro storico e il castello di Bellver ma durante i nostri 8 giorni in bici sull’isola le tappe saranno molte. Percorreremo insieme circa 330 chilometri, molti se pensate che da costa a costa Maiorca ne misura solo 80, avremo quindi l’opportunità di scoprire angoli meno noti in una stagione molto meno affollata di quella estiva, assaporando così la vera vita maiorchina. Tra i pittoreschi borghi in cui faremo tappa c’è Estellences, un minuscolo centro in pietra che da una parte è protetto dal montagne rocciose e dall’altra si tuffa nel blu del mar Mediterraneo, un sogno per ciclisti e trekker che qui sono sempre numerosi. Visiteremo anche LlucmajorVallgornera, un delizioso piccolo paese sul mare o Algaida,un comune dichiarato Area naturale di interesse speciale, dove, nella sua zona più alta (alta 548 metri), sulle montagne del Puig de Randa, si possono ammirare la baia di Palma , la baia di Alcúdia, la Serra de Llevant e Manacor sullo sfondo. In questi piccoli centri è ancora forte la religiosità e la si respira nell’eremo di Sant Honorat, nel Santuario Nostra Senyora de Gràcia o Nostra Senyora de Cura.

Maiorca, LifeGate

L’isola di Maiorca è chiamata anche la perla del Mediterraneo. ©Girolibero

A Valldemossa, dove soggiornarono Chopin e George Sand

Tra le tappe più suggestive e ricche di storia del nostro itinerario in bici attraverso l’isola, c’è quella a Valldemossa: siamo in un piccolo centro della regione della Sierra de Tramuntana, una zona molto più tranquilla e meno affollata di Palma, ma ugualmente molto nota soprattutto per la sua Certosa chiamata Real Cartuja de Valldemossa, un monastero fondato dai certosini nel 1400 dove soggiornarono, verso gli anni Trenta del 1800, il compositore Fryderyk Chopin e la sua allora compagna George Sand. Un luogo che racconta molto di questa terra: infatti la sua chiesa custodisce testimonianze artistiche di grande pregio; la biblioteca, antichi manoscritti; la farmacia (la terza più antica di Spagna), una collezione unica di ampolle e arnesi del mestiere. Le zone verdi e i chiostri invece regalano una pausa di quiete dopo la pedalata per raggiungerla. Imperdibile dunque per capire la vera natura di quest’isola che è tutt’altro che mondana, ma molto legata alle tradizioni e al territorio, così vario e suggestivo.

A chi è dedicato il viaggio

Questo tour in bicicletta dell’isola è pensato per chi ama pedalare ma vuole anche godersi il relax e le comodità garantite tornando a ogni fine giornata in un bell’albergo. Le tappe non avranno mai pendenze elevate e per questo il viaggio è adatto a tutti, anche ai meno esperti. Inoltre sarà possibile noleggiare bici elettriche, per facilitare ancor di più chi non ha nelle gambe molti chilometri. Il mix proposto tra tappe lungo il mare e l’entroterra, rende questo itinerario mai noioso e ricco anche di visite artistico culturali per chi vuole conoscere meglio la storia di quest’isola.

Partenze

Il 30 dicembre 2018 sino al 6 gennaio 2019

Per maggiori dettagli, compila questo form.

  •  

Leave a Reply

Your email address will not be published.